Romanzi 2022

Come si evince dal nome, questa li(bri)sta è dedicata ai romanzi letti durante il 2022. Il motivo della sua esistenza è abbastanza banale in realtà: non scriverò né una nota né un lettore immaginato per ogni libro letto, ma solo per quelli che mi hanno in qualche modo arricchito; un nuovo punto di vista, una questione o un avvenimento di cui non ero a conoscenza, l’incontro con sentimenti ed emozioni mai provate (a volte invece molto care), questo è quello che cerco nei libri. Ovviamente ciò non vuol dire che i libri a cui non dedico uno spazio – diciamo – privato, non mi siano piaciuti o siano privi della suddetta caratteristica, ma solamente che, in questo momento, non mi hanno “stimolato” la scrittura (o che lo hanno fatto molto, ma necessitano di un particolare approfondimento e quindi arriveranno prossimamente su questi schermi).

Ho pensato, però, che potrebbe essere comunque carino assegnare una sorta di giudizio ai libri, un po’ per fare conoscere a voi i miei gusti e un po’ anche per darvi il mio piccolo consiglio di lettura, alla fine valutare i libri è il mio lavoro.

Detto ciò, il mio metro valoriale è così composto:

Ragno: andamenti poco scorrevoli, trame arzigogolate, aggrovigliate o poco accattivanti, linguaggio pretenzioso, poco ragionato o banale, personaggi eccessivi, inamabili o piatti e scontati. Quei libri che mi hanno provocato una o più dosi di sordo malessere.
Interiezione: MMHGNÈ

Formica: testo mediamente scorrevole, livello linguaggio medio e/o quotidiano, trama costruita bene ma non particolarmente innovativa, personaggi stereotipati ma funzionali. Quei libri che sono come le formiche durante un pomeriggio al parco: “guarda che carine!”, fine del tuo interesse per loro.
Interiezione: MEH

Ape: i libri di cui avevo bisogno, come il mondo ha bisogno delle api. Dai “comfort book” a quelli che mi hanno insegnato a vivere in un modo un po’ migliore rispetto a come fatto fin lì, passando per quelli scritti bene davvero, quelli le cui parole ti restano addosso.
Interiezione: EH BE’

Ora che siete grandemente preparat* sul mio metro di giudizio, a voi la li(bri)sta in tutto il suo splendore (si spera)!

978880625212HIGVita mortale e immortale della bambina di Milano
Domenico Starnone

Einaudi (I ristampa, 2021)
Pagine: 145

ape950-100 formica950-100

“Devo dire, però, che più che un folletto scamazzaincubi, preferivo essere un poeta incantatore che sottrae le fidanzate alla fossa dei morti.”

Il doppio voto mi sembra necessario: la scrittura è sublime, ma la storia, con tutto il rispetto del mondo, l’ho trovata un po’ noiosa. 

978880624875HIGKlara e il sole
Kazuo Ishiguro

Einaudi (I ed. autografata)

ape950-100

Non sono riuscita a scegliere una frase in particolare: questo libro è un capolavoro di dolcezza, di quella che sopravvive sempre, di quella a cui non si può rinunciare dopo averla provata. Ci vorrebbe una Klara per ognuno di noi.

photo_2022-05-02_09-58-42La profezia dell’armadillo – Artist edition
Zerocalcare

Bao publishing, 2017 (12° edizione)

ape950-100

“Scusa armadillo ma la questione è grave, mi occorre un parere più autorevole. Senza offesa… Pronto ma’? Per te sono capace di curare una pianta?”

bompiani-l-eccellente-avventura-di-Marta-e-Jason-anemone-nemorosa L’eccellente avventura di Marta e Jason
Beppe Tosco, Armando Quazzo

Bompiani, 2021 (1° edizione)

formica950-100

“L’abbraccio fra due salmoni va immaginato. Senza braccia o zampe ci si abbraccia a testate. E così fanno anche Marta e Jason.”

Dissipatio H.G., Guido Morsellidissipatio-hg-morselli-adelphi-anemone-nemorosa-a
Adelphi, 2012 (6°edizione) 

Scritto nel 1973 e pubblicato per la prima volta nel 1977
pagine: 142
ape950-100
Mi potrei definire: un pensiero mortuario che sfiora sgomento la morte consumata, mentre vagheggia la Morte-ipostasi, la morte trionfante e universa (a patto, si capisce, di esserne eccettuato). E ha costruito, circostanziato, tutta questa storia, il cosiddetto Evento, dalla notte del 2 giugno, per inventarsi una speranza-rifugio, nel sogno antico dell’immortalità (si capisce) soltanto sua, come soltanto sua voleva la vita. E tutta questa storia sarebbe la funebre trovata di un solipsista feroce, ma d’altra parte pusillo e poltrone, che respinge caparbiamente l’idea di morire.

Due mega Li(bri)ste e degli obiettivi un po’ sconclusionati:

Obiettivo di febbraio, marzo, aprile…

Questa nota inizia a essere arzigogolata, ma tant’è e quindi me la tengo così! Ho cambiato però l’ordine degli aggiornamenti per facilitarne la fruibilità. Quarto aggiornamento:Sto leggendo Figure III di Gérard Genette. Il saggio in cui l’esperto di narratologia analizza il discorso del (e nel) racconto; ovviamente interessantissimo, ecco, diciamo che non è la cosa … Leggi tutto Obiettivo di febbraio, marzo, aprile…

Libriscorsi gennaio 2022

I #libriscorsi di gennaio 2022 si presentano in modo diverso dal solito, le li(bri)ste 2022, infatti, partiranno da lunedì 7 febbraio, quindi ho pensato di preparare un wrap up complessivo. Clicca sulla foto del libro che ti ispira di più, verrai rimandato alla relativa esperienza di lettura e, se quello che hai letto ti è … Leggi tutto Libriscorsi gennaio 2022

Libriscorsi 2021

Fine anno, si sa, è tempo di bilanci e anche io ho fatto i miei, anche se esco allo scoperto con giusto un po’ di ritardo (potete trovare una summa generale qui). E il wrap up dei libri letti e ascoltati nell’anno appena finito è sicuramente fra i tipi di bilancio che preferisco, e anche … Leggi tutto Libriscorsi 2021